Food Social? Gnammo è la proposta italiana

Gnammo è il sito in cui puoi condividere con nuovi amici la tua abilità ai fornelli o la tua passione per il cibo.

Ho scoperto per caso questo sito stamattina, leggendo un post che analizzava alcuni aspetti legati ai foodblog. Vista la mia passione per la cucina e l’essere un food blogger anche io (senza troppe pretese, sia chiaro) non ho potuto fare a meno di visitare Gnammo.
L’idea mi ha piacevolmente sorpreso perché per me si tratta di una assoluta novità.

Cosa può fare chi si iscrive a Gnammo?


Gnammo, il Food Social italiano
Le attività che ogni aderente alla community food social può seguire sono due: creare eventi di cucina a casa propria o proporsi per partecipare, ovviamente mangiando, a quelli in corso. La registrazione è gratuita ed una volta ultimata si diventa Gnammer (ma un nome meno brutto non potevate trovarlo?), mentre la qualifica di Cuoco la si ottiene organizzando un evento.

Uno spazio aperto a tutti, non serve essere Chef di professione, perché l’intento del sito è quello di mettere in contatto persone che hanno in comune la passione per la buona cucina. Tra le altre cose è anche possibile guadagnare qualcosa creando pranzi o cene, Gnammo mette a disposizione gli strumenti adatti (in modo gratuito) per realizzare un businness.

E lo Gnammer, invece, che funzione ha se non organizza eventi?

Può approfittare degli altri iscritti e, consultando il sito, cercare l’evento più vicino alla sua zona per richiedere l’invito a pranzo o a cena. In caso venga accettato non resta che pagare e mangiare.

Questo a grandi linee è il funzionamento di un sito davvero particolare ed innovativo. Se poi sul web esistono altre realtà italiane, in ambito food social, fatemelo sapere, per me questa è una novità assoluta. Personalmente non mi iscriverò perché, per carattere, sono poco attratto dall’idea di invitare o andare a mangiare a casa di perfetti sconosciuti. Certo frequentando una community sicuramente si instaureranno rapporti di amicizia e simpatia, ma è comunque un esperimento troppo distante dal mio modo di “socializzare”.
Resta il fatto che trovo Gnammo un progetto originale, che meritava di essere segnalato. A voi poi la scelta se gnammare o cucinare per gli altri.

Non resta che visitare il SITO 

Dimenticavo, Gnammo è in versione inglese e italiana, al suo interno c’è anche un blog ed è ovviamente su Facebook con la sua Fan Page

Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti GRATUITAMENTE agli aggiornamenti via email