Contenuti duplicati. Individuarli e combatterli.

Ho sempre voluto approfondire questo argomento perché troppo spesso leggo blog fuffa nei quali il copia/incolla regna sovrano. Quasi sempre sono recensioni di cosmetici, prodotti per la casa o ricette “arricchite” da informazioni su di uno specifico prodotto.

Nel migliore dei casi il copione si limita ad utilizzare il testo presente nel sito aziendale, nel peggiore viene copiata quella che dovrebbe essere l’esperienza personale con il prodotto. Come se non bastasse c’è anche l’uso improprio delle foto e il voler spacciare come farina del proprio sacco il lavoro altrui.

CONTENUTI DUPLICATI, COME INDIVIDUARLI

Partiamo dal presupposto che utilizzare ciò che ho scritto non è un attestato di stima o un riconoscimento del mio valore. Mi è capitato di leggere un commento del genere nel post di chi si lamentava per questa pratica scorretta, ma la verità è un’altra.

Se mi faccio il mazzo per pubblicare un articolo non trovo alcun piacere nel vederlo utilizzato da gente che non conosco e che non ha la bontà di citarmi o avvisarmi.

contenuti-duplicati

Fonte: Freepik

Combattere questa pessima abitudine è una lotta contro i mulini a vento. Difficile da vincere, figuriamoci da estirpare. Non servono competenze particolari per individuare i contenuti duplicati:
le risorse a nostra disposizione sono poche, ma semplici da utilizzare.

Ricerca su Google e Google Immagini

È il metodo più semplice e veloce.
Basta inserire una stringa di testo nel motore di ricerca, racchiusa tra virgolette per avere l’esatta corrispondenza, e individueremo gli eventuali copiatori. Con Google Images si può fare un’operazione analoga, basta inserire l’url di qualche immagine caricata sul nostro blog per verificare se e dove è stata ripubblicata.

 Software online

Permettono di scovare chi copia, attraverso la comparazione del testo che può avvenire con modalità differenti. Copyscape e Plagium sono i più noti, ma ne esistono altri validi.
Suggerisco la lettura di 7 strumenti per individuare i contenuti duplicati  che tratta in maniera approfondita l’argomento, soffermandosi sui migliori strumenti online.

stockvault-jolly-roger-grunge-flag

Fonte: Freepik

COSA FARE UNA VOLTA INDIVIDUATI I CONTENUTI COPIATI

La soluzione più logica è contattare il copione, mettendo da parte la naturale incazzatura che viene quando ci si imbatte in questi personaggi. Astio e maleducazione non portano risultati, meglio usare un tono colloquiale, gentile, soprattutto educato, e chiedere chiarimenti sottolineando che il contenuto va rimosso o se proprio lo si vuole usare, solo in parte, è doveroso lasciare riferimento e link all’autore.

Se il copione fa orecchie da mercante o non risponde ai nostri messaggi è il caso di avvisare che ricorreremo ad adeguati provvedimenti. Quella legale è l’ultima strada da percorrere, se ci sono le condizioni e la voglia per farlo, ma abbiamo alcune alternative da prendere in esame.

La segnalazione a Google è un passaggio inevitabile, la prima cosa da fare, che può avvenire con tre differenti modalità:

Se nel blog ci sono le pubblicità AdSense il copione va segnalato: https://www.google.com/adsense/support/bin/request.py?contact=violation_report

È possibile tutelarsi?

Se pensiamo ad un modo per evitare i contenuti duplicati o ad un sistema per obbligare i disonesti alla cancellazione delle stesse dobbiamo rassegnarci.
creative commonsNon sono un esperto in materia, ma non credo esista una vera e propria tutela in tal senso.

Ci sono sempre le vie legali, con seccature e le lungaggini che ne conseguono, che non tutti sono disposti ad intraprendere.
Penso a chi non scrive per lavoro e ai blogger che pubblicano per passione e divertimento.

In ogni caso è sempre meglio correre ai ripari attraverso l’uso delle licenze Creative Commons. Servono a stabilire cosa è possibile usare del materiale che abbiamo pubblicato e le modalità per farlo.

Come scoraggiare chi copia i contenuti

Prendo in prestito (spero non me ne voglia) il titolo di un articolo scritto per My Social web da Simona Nurcato per segnalare la soluzione che ha adottato una volta individuato il “furto”. Un metodo intelligente ed efficace per dar sfogo alla voglia di sputtanare i truffaldini senza cadute di stile, evitando eventuali ripercussioni legali.

Voi cosa fareste in una situazione del genere? Vi è capitato di trovare un copione e, se si, come vi siete comportati?

Fonti

Prima di scrivere sui contenuti duplicati ho letto svariati post, tutti più o meno utili, ma tre in particolare sono state le fonti da cui ho attinto. Per questo ringrazio e doverosamente cito:

Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti GRATUITAMENTE agli aggiornamenti via email