Alberto Verdugo. Horror, dark lady e fantasy

Alberto Verdugo

Donne sexy e poco vestite, accattivanti panorami fantasy arricchiti da numerosi elementi horror. Sono i temi ricorrenti nelle opere del digital artist messicano conosciuto con lo pseudonimo Maniatyco.

Alberto “Maniatyco” Verdugo nasce nel 1983 a Ensenada Baja California, in Messico.

La produzione di questo giovane artista digitale è caratterizzata da una forte componente dark, come dimostrano le ambientazioni ricche di corvi, croci, paesaggi nebbiosi, esseri alati e personaggi che strizzano l’occhio alla classica filmografia horror.

Alberto Verdugo
Zombi
Alberto Verdugo
De Corazones

Sfondi inquietanti e oscuri (abilmente creati grazie a un sapiente lavoro con Photoshop) sui quali spiccano provocanti figure femminili, dalle forme procaci e dall’abbigliamento sexy. Donne dal fascino gotico ed enigmatico che sembrano incarnare l’ideale della dak lady.

Alberto Verdugo

Alberto Verdugo
One Gun
Alberto Verdugo
Burlesque angel

Alberto Verdugo e le donne

Non solo gotiche e ambigue, ma anche ricche di ironia e disincanto, quasi a far da contraltare agli scenari “de paura” che le circondano. L’elemento femminile sembra farla da padrone, ma non è l’unico mezzo utilizzato da Maniatyco per raccontare le proprie inquietudini.

Non mancano le figure maschili. A volte incerte e innocenti, a volte dai tratti spaventosi e demoniaci. Per certi versi meno accattivanti, ma sempre dal forte impatto visivo ed emotivo.

Una cosa è certa, Alberto “Maniatyco” Verdugo si racconta attraverso le immagini e la loro manipolazione digitale.

Un artista che merita di essere seguito.

Alberto Verdugo

Alberto Verdugo
RIP

Alberto “Maniatyco” Verdugo su 

Facebook
Deviant art

Autore: Andrea Murales

Mi occupo di grafica e webdesign da un decennio. Da un paio di anni mi sono avvicinato al mondo della scrittura online, come webwriter e content editor. LAVORO: Webdesigner e Grafico2.0 - WebWriter e ContentEditor - Joomla e Wordpress Expert - Food Blogger TEMPO LIBERO: Spiaggiarsi sul divano, ozio artistico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *